Misericordia di Pietrasanta

Logo Misericordia di Pietrasanta Nel 1320 esisteva in Pietrasanta e precisamente nel luogo attuale della sede della Misericordia, l’Ospedale di S.Biagio, governato e diretto dalla Confraternita omonima. A tale Istituzione era demandata l’assistenza ai poveri e agli ammalati nonché quella dei condannati al patibolo. Da questo ultimo incarico emerge chiaramente lo spirito che animava i suoi componenti che non esitano a confortare, in nome di Cristo, chi fosse condannato dalla giustizia umana. La Confraternita di San Biagio, nel 1599, edificò altre case sul lato sinistro della Chiesa (la quale esisteva già nel 1320, ristrutturata nel 1770 e nel 1935) come è ricordato da una piccola lapide ancora esistente sulla facciata della attuale sede della Misericordia. Questi lavori servirono più tardi da ospizio ai padri cappuccini, mentre nell’Ospedale nel tempo stesso che vi si dava alloggio ai pellegrini, si ricevevano anche i trovatelli che dovettero dare un gran lavoro alle Clarisse, allora tenutarie dell’Ospedale, giacchè soltanto in un anno ne comparvero 102 alla ruota. Intanto a Pietrasanta, sul finire del XIV secolo era stata istituita anche la Confraternita di S. Antonio che ottenne anch’essa l’autorizzazione ed i mezzi per erigere un ospedaletto che fu chiamato appunto di San Antonio e che sorgeva nella piazzetta omonima tra le attuali via dei Piastroni e del Teatro. Tale Confraternita, nel 1514, fu soppressa ed i beni passarono a quella di San Biagio. Sul finire del XVIII Secolo anche questa Confraternita o Compagnia fu soppressa dal Granduca Leopoldo I, insieme a molte altre compagnie religiose. Ma con decreto del 30 Luglio 1805, la Regina Maria Luisa, Reggente del trono d’Etruria, ripristinò tale antica Compagnia di San Biagio con la denominazione di Confraternita di San Antonio Abate. Da tale epoca riprende in pieno l’attività di questa istituzione che, per gli scopi e le opere compiute, può considerarsi senz’altro Confraternita di Misericordia. Infatti anche allora erano soccorsi gli ammalati ed i poveri, era curato il trasporto funebre dei detenuti ed erano suffragate le anime dei confratelli. Nel 1896 fu deliberato di trasformare la Confraternita di San Antonio Abate in Confraternita di Misericordia. La domanda fu accolta dal Consiglio Comunale in data 29 Maggio 1897 e successivamente, eretta in Ente Morale ed infine elevata nel 1936 ad Arciconfraternita dall’Arcivescovo di Pisa S. E. Mons. Gabriele Vettori.

Oggi la Misericordia si occupa di;
servizi con autombulanze,
servizi sociali,
protezione civile.
Nei suoi uffici è possibile trovare anche un
gruppo donatori sangue Fratres,
uno studio medico,
prestito ausili.

Contatti
Misericordia di Pietrasanta
Via Mazzini, N° 103
Cap 55045, Pietrasanta (LU)
Tel. 0584-70055 (4 Linee 24 H su 24 H)
Fax. 0584-793203
Email: info@misericordiapietrasanta.it

ORGANIGRAMMA

Magistrato 2014-2018
Governatore: Maria Assunta Montagna
Vice Governatore: Pieluigi Como
Addetto stampa e Rapporti con O.D.V. : Geom. Maurizio Luisi
Responsabile Automezzi: Mirko Bagnerini
Resp. Rapporti con i volontari: Francesco Marlia
Resp. Dipendenti: Gabriele Carli
Responsabile Dipendenti-Collaboratori: Gianni Tesconi
Segretario: Rag. Lino Di Clemente
Correttore Spirituale:

Per contatti con il Magistrato :
segreteria@misericordiapietrasanta.it

Consiglio

Balderi Michele
Anna Barsaglini
Stefano Bertellotti
Alberto Ciari
Rosanna Freschi
Sonia Fusalli
Silvia Macchiarini
Elena Mancini
Eliseo Marchetti
Serena Marcucci
Piero Maremmani
Iacopo Pancetti
Giacomo Ricci