Concerti organo

II° Festival organistico internazionale

“Città di Pietrasanta”

Collegiata di San Martino (Piazza Duomo, Pietrasanta)
Sabato 5, 12, 19 giugno 2021, ore 21.15

Con la speranza che nelle prossime settimane le restrizioni dovute al contenimento del contagio da Covid vedano un rilassamento e che, conseguentemente, ci permettano di tornare anche a godere della musica e delle arti in presenza, la Parrocchia di San Martino a Pietrasanta, sostenuta dal Patrocinio del Comune versiliese e della Regione Toscana compie il passo in più, annunciando il cartellone del II Festival organistico internazionale “Città di Pietrasanta”.

L’iniziativa nasce nel 2019 con la finalità di valorizzare il nuovo grande organo a canne che la ditta Chichi di Vinci (FI) ha realizzato per il Duomo cittadino: autentico capolavoro di artigianato e tecnologia per uno strumento atrasmissione elettronica, dotato di 54 registri, distribuiti su tre tastiere, per un totale di 2.700 canne. Grazie ad un’articolazione in tre differenti corpi, il maggiore in contro-facciata, uno dietro l’altare maggiore e uno nel transetto di destra, lo strumento riesce a raggiungere ogni spazio della chiesa, creando un effetto stereofonico molto coinvolgente per l’ascoltatore. Anche l’impatto visivo non è da meno e sicuramente non lascia indifferenti la maestosa console, ubicata nei pressi del presbiterio, dalla quale l’esecutore governa con disinvoltura una macchina tanto complessa.

Particolarmente degna di essere ammirata è la mostra in contro-facciata, le cui alte canne in stagno vanno a incorniciare il celebre rosone marmoreo, secondo canoni costruttivi tipici delle prestigiose scuole mitteleuropee. Le dimensioni e gli accorgimenti tecnici di cui è dotato lo strumento gli consentono un totale eclettismo, dalla musica del medioevo, ai linguaggi più estremi della musica contemporanea, dalle improvvisazioni in tutti gli stili, alle trascrizioni orchestrali, così come si presta agevolmente anche a duettare con solisti e ensemble vocali e strumentali.

«Questo strumento, tanto moderno e prezioso, è un’indubbia occasione di orgoglio, non soloper la nostra parrocchia, ma per tutta la città e il territorio. Inaugurato nel novembre 2018 si è imposto all’attenzione di moltissimi esperti ed appassionati che frequentemente chiedono di poterne saggiare le qualità e noi riteniamo il festival la vetrina più indicata per una vera e propria opera di divulgazione nei confronti dell’organo e della musica ad esso dedicata» afferma il parroco Mons. Stefano D’Atri, che continua: «Siamo consapevoli di vivere da più di un anno una quotidianità diversa rispetto a quella alla quale eravamo abituati, ci rendiamo conto dell’incertezza che contraddistingue ogni istante di questi giorni, ma abbiamo ritenuto opportuno rimboccarci le maniche e impegnarci per offrire alla città dei preziosi momenti di musica e bellezza. Fortunatamente i sostenitori, che non cesserò mai di ringraziare, hanno compreso e condiviso il nostro messaggio».

Dunque al via la seconda edizione del Festival (che ne 2020 era stata annullata per ragioni sanitarie), che sarà inaugurata, sabato 5 giugno, da Antonio Galanti, uno dei massimi interpreti italiani, applaudito anche come compositore e proprio anche in questa veste si renderà protagonista della serata, proponendo un programma che prevede una serie di sue composizioni dedicate al grande strumento di Pietrasanta.

Il secondo appuntamento, sabato 12 giugno, vedrà sedere alla console il giovane e talentuoso organista spagnolo Juan de la Rubia, titolare presso la Basilica de la Sagrada Familia di Barcellona che offrirà un programma dedicato alla musica francese, italiana e spagnola, dal periodo barocco al ‘900.

L’appuntamento conclusivo, previsto per sabato 19 giugno, accoglierà James O’Donnell, celebre nome del concertismo internazionale che deve parte della sua notorietà al fatto di ricoprire, da oltre vent’anni, il ruolo di organista e maestro di cappella dell’Abbazia di Westminster a Londra. Sul grande organo pietrasantino affronterà un programma eclettico, con particolare riferimento alla musica contemporanea e all’improvvisazione su temi suggeriti dal pubblico.

«Organizzare questa seconda edizione del festival ha significato buttare il cuore oltre i numerosi ostacoli che caratterizzano da più di un anno la nostra quotidianità. Abbiamo scelto comunque di mantenere un livello eccellente e, particolarmente, l’internazionalità dell’iniziativa con due nomi, De la Rubia e O’Donnell, che è molto raro ascoltare in Italia. Siamo molto orgogliosi del nostro cartellone e certi di eguagliare, se non di superare, il successo di pubblico riscosso nell’edizione del 2019.

Purtroppo, per molti, l’organo è uno strumento “polveroso”, sinonimo di musica melensa, banale, dilettantesca… Se uno si affaccerà ad ascoltare anche un solo minuto uno dei tre concerti, non potrà che trattenersi, inebriato da un’esplosione di gioia musicale». Dichiara il direttore artistico Lorenzo Ancillotti.

I concerti, preceduti da una breve introduzione, inizieranno alle 21,15, con ingresso libero.