La Parola di Dio

Custodiva tutte queste cose nel suo cuore

Maria “custodiva tutte queste cose nel suo cuore”: avevano capito che l’unico modo per “comprendere” l’operato di Dio era quello di affidarsi a lui!

La Domenica dopo Natale è dedicata alla Santa Famiglia e il brano che quest’anno ci è proposto ci riporta l’episodio dello smarrimento e conseguente ritrovamento di Gesù nel tempio (Lc 2,41-52). Un episodio di vita di famiglia, un fatto non tanto felice quanto piuttosto pieno di ansia e seria preoccupazione da parte dei genitori per la scomparsa del figlio! Poi l’affannosa ricerca per Gerusalemme (e non era così semplice!) … ma, eccolo lì, nel tempio fra i maestri della legge.

La mamma chiede al figlio: “Perché ci hai fatto questo? Tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo!” .Maria, pur sapendo che una spiegazione c’è, desidera capire meglio; e Gesù le risponde: ”Non sapete che devo occuparmi delle cose del Padre mio?” Dicendo “tuo padre” Maria pensava a Giuseppe; dicendo “mio Padre” Gesù pensava a Dio. Affiorano già delle incomprensioni, incomprensioni evidenti: “Essi non compresero ciò che aveva detto loro”.

Nonostante queste incomprensioni, Gesù “venne a Nazaret e stava loro sottomesso”, e Maria “custodiva tutte queste cose nel suo cuore”: avevano capito che l’unico modo per “comprendere” l’operato di Dio era quello di affidarsi a lui! Nella vita di famiglia, davanti alle incomprensioni non si litiga, non si troncano i rapporti, non si raffreddano le relazioni ma si continua a camminare, certi che nel cammino il Signore accompagna per chiarire dubbi e lenire fatiche.

Un’altra lezione che ci impartiscono i due santi Coniugi: quando si perde Gesù si perde il senso delle cose e ciascuno pensa che debba essere sempre l’altro a riprendere il filo portante. La santa famiglia è santa non perché non sbaglia ma perché quando si è accorta di avere perso Gesù è capace di tornare indietro a cercarlo. Noi quando costatiamo i nostri fallimenti prendiamo decisioni affrettate, ci lasciamo, andiamo avanti senza tornare indietro a cercare Gesù. E’ vero che talvolta può risultare impossibile rimettere insieme i cocci rotti, però quante altre volte basta tornare indietro e ritrovare il senso del cammino, e ritrovare Gesù per ripartire insieme.

Questo vale per coniugi nella vita di famiglia, ma vale pure per tutti i membri della comunità cristiana: nessuno vada mai per conto proprio, perché solo insieme e dietro di Lui siamo certi di non perdere nessuno per strada.

Altrimenti dobbiamo sempre tornare indietro per recuperare quanto perduto, per non perderlo di nuovo.

Buona Domenica. Don Stefano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *