La Parola di Dio

Sulla tua Parola getterò le reti!

Se, nonostante tutti i nostri limiti, accettiamo il rischio della sequela saremo annunciatori della speranza di Cristo e, come Pietro, anche gli diremo: “Sulla tua Parola getterò le reti!”.

Il brano del Vangelo oggi proposto ci presenta l’episodio della cosiddetta “pesca miracolosa” e la chiamata dei pescatori per farne “pescatori di uomini” (Lc 5,1-11).

L’evangelista pone l’accento sulla forza della Parola: “La folla gli faceva ressa attorno per ascoltare la Parola di Dio … insegnava alle folle dalla barca”. Annunciare la Parola non è forse il compito primario del discepolo? Anzi, il successo della missione sta tutto nella forza della Parola di Gesù: se il discepolo si affida a se stesso la pesca è fallimentare, se invece si fida della parola di Gesù la pesca è abbondante. Pietro, pescatore di professione, costata che quel giorno non era uno dei più felici, aveva faticato inutilmente tutta la notte! All’ordine di Gesù risponde: “Sulla tua Parola getterò le reti!”; Pietro si fida della parola di Gesù nonostante le verifiche che potevano giustificare il contrario.

Anche noi possiamo aver faticato tutta la notte e non aver preso nulla ma come Pietro siamo invitati ad abdicare alle proprie competenze, alle proprie certezze e sperimentare la fede come rischio: il fidarsi è un decidersi e ogni decisione comporta un rischio.

Pietro poi, assalito dallo stupore, riconosce la sua indegnità e chiede di allontanarsi da Gesù, ma si sente rispondere “Non temere”: il Signore fa così!

Il miracolo non sono tanto le barche riempite di pesci, il miracolo grande è che Gesù non si lascia deludere dai miei difetti, mi affida il Vangelo nonostante i mieli limiti, mi rende “pescatore di uomini”; per portare il suo Vangelo sceglie uomini che condividono le fragilità delle loro generazioni.

Se, nonostante tutti i nostri limiti, accettiamo il rischio della sequela saremo annunciatori della speranza di Cristo e, come Pietro, anche gli diremo: “Sulla tua Parola getterò le reti!”.

Buona Domenica. Don Stefano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *