La Parola di Dio

Venne, stette in mezzo e disse: Pace a voi!

Gesù invece proprio con le sue ferite “venne, stette in mezzo e disse: Pace a voi!”. Non nasconde le ferite anzi le mostra, non si chiude nel rancore ma dona la pace e invita a fare altrettanto.

Oggi, a otto giorni dalla Pasqua, eccoci davanti il racconto di Giovanni (20,19-31): Gesù risorto viene a far visita ai suoi apostoli. Il quarto Vangelo non dice che Gesù “appare” ma “viene” e si pone in mezzo ai suoi, assumendo il posto centrale nella comunità: lì è possibile vederlo. Per lui non sono un ostacolo né le porte chiuse e neppure la paura che è nel cuore dei discepoli, e nemmeno la fatica a credere, che si riscontra in Tommaso ma non meno negli altri suoi amici.

Questa piccola comunità visitata dal Signore è una comunità ferita: ferita dal rinnegamento di Pietro, dal tradimento e dal suicidio di Giuda, ferita pure dalla fuga generale nel momento della cattura del Maestro. L’evangelista ci presenta questo gruppetto di discepoli chiuso e smarrito; nella loro fatica a credere possiamo rileggere il grido deluso di chi avrebbe voluto un Gesù diverso ed ha visto sfumare ogni speranza.

Non solo la piccola comunità è ferita ma anche Gesù è ferito e mostra i segni evidenti delle sue ferite.

Gli apostoli, con le loro ferite, si chiudono e si bloccano, Gesù invece proprio con le sue ferite “venne, stette in mezzo e disse: Pace a voi!”. Non nasconde le ferite anzi le mostra, non si chiude nel rancore ma dona la pace e invita a fare altrettanto.

La fede di Tommaso matura dentro la comunità, così pure per noi, perché è lì che il Risorto ci dona la sua parola e ci mostra le ferite, segni del suo amore. Lì Tommaso riesce a uscire dall’isolamento e a condividere con gli altri ciò che lo ferisce, e proprio quello è il momento il cui incontra Gesù risorto. E noi, se riusciamo a mostrare agli altri le nostre ferite, queste diventeranno feritoie attraverso cui arriva presenza viva di Gesù che dona la sua pace, la pace vera.

Buona Domenica. Don Stefano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *