La Parola di Dio

Io non sono

Domenica scorsa il Vangelo ci presentava la figura di Giovanni Battista, il profeta. Anche in questa terza Domenica di Avvento ci viene riproposta la figura del Battista ma come testimone (Gv 1,6-8. 19-28).

Egli è presentato come una persona nota ai lettori: nessun tratto biografico su di lui, né alcun cenno alla sua predicazione. La sola cosa che interessa è la sua testimonianza resa a Gesù. Con una precisazione: “Egli non era la luce, ma doveva rendere testimonianza alla luce”.

E’ significativa la figura del “testimone”, lo è chi attesta, chi assicura, chi è disposto a mettere in gioco la propria vita per qualcosa, per Qualcuno.

Giovanni viene interrogato, i sacerdoti e i leviti di Gerusalemme, lo incalzano per ben sei volte: “Chi sei? … Chi sei? … Sei Elia? … Sei il Profeta? … Chi sei? … Cosa dici di te stesso?”. Avrebbe potuto affermare la sua identità di Messia giacché dai più era ritenuto tale, avrebbe potuto godere, anche se per poco, la gloria del successo … no! Giovanni ha incontrato Gesù nel suo cuore ancor prima che sulle rive del Giordano, ha incontrato Gesù e per questo annuncia, testimonia e si mette al proprio posto. Risponde definendosi per sottrazione: “Io non sono il Cristo … non sono Elia …non sono …”. Lascia cadere titoli, crediti, identità prestigiose per tornare a se stesso: “Io sono voce che grida …”; solo voce, perché la Parola è un Altro.

Chi incontra Gesù trova se stesso, chi incontra Gesù trova il proprio posto; e quanto è importante trovare se stessi, trovare il proprio posto! Quante tentazione di voler essere di più, di apparire anche ciò che in realtà non si è!

Il testimone non porta se stesso, lavora per altri ed è contento del suo lavoro, perché vive la propria storia, la propria vocazione, perché ritrova se stesso.

I cristiani sono i testimoni di Cristo (lo dice pure il nome) e per questo ciascuno di noi dovrà portare Cristo ed essere pronto a farsi da parte per lui: così insegna Giovanni, il profeta, il testimone!

Buona Domenica. Don Stefano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *