Vangelo della Domenica

Il Vangelo della Domenica

«Così, io vi dico, vi è gioia davanti agli angeli di Dio per un solo peccatore che si converte». Si
Ma quando sarà il compimento di questa “ora”? L’ “ora” arriva nella cena pasquale; lì ci sarà ancora il vino, simbolo
Gesù vuol condannare la “presunzione di essere giusti”, perché dalla presunzione nascono le pretese, le preoccupazioni gerarchiche, i giudizi taglienti
La parabola, commentando l’insuccesso del ricco, esorta: “Così è di chi accumula tesori per sé e non arricchisce davanti a Dio”.
Sì, il servizio è necessario, l’ascolto è anch’esso necessario: tutti e due questi atteggiamenti devono far parte della vita di
L’evangelista Luca, a differenza degli altri, oltre all’invio dei dodici apostoli in missione racconta anche l’invio di “altri settantadue discepoli: questo è
Lo Spirito Santo, ha detto Gesù, “Guiderà, parlerà, dirà, annuncerà, prenderà” tutti verbi al futuro, a indicare una strada che
Egli è mandato a compiere due grandi opere: insegnare ogni cosa e farci ricordare tutto quello che Gesù ha detto. Ci insegna: “in–segnare = segnare
Non li abbandona a se stessi ma mette davanti a loro la missione, perché il mondo intero attende il messaggio
Lui, ci dice Gesù, “vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto”. Suo compito è